Come pulire in profondità un tagliaerba elettrico

Se volete che il vostro tagliaerba elettrico possa funzionare perfettamente e a lungo, allora dovete effettuare una pulizia veloce dopo ogni utilizzo e – di tanto in tanto – una pulizia più approfondita e minuziosa. In questo breve articolo voglio spiegarvi come pulire a fondo il vostro personale tagliaerba elettrico.

La pulizia in profondità

Per cominciare vi voglio consigliare di effettuare una pulizia approfondita, che quindi coinvolge anche lo chassis interno, almeno una volta ogni tre – quattro mesi. Dovete sapere che gli scarti dell’erba tagliata più sottili possono rimanere attaccati alle lame o in prossimità dello chassis interno o sul rivestimento esterno o sulla base della struttura principale.

Questi scarti devono assolutamente essere eliminati per garantire il buon funzionamento del tagliaerba elettrico. Come bisogna fare? Dovete spazzolarli con una spazzola a setole lunghe e morbide e – in seguito – passare un panno umido. Quest’ultimo ci facilita notevolmente la pulizia, soprattutto quando siamo in presenza di uno sporco secco ed incrostato. Se quest’ultimo è particolarmente resistente potete utilizzare ghiaccio secco o dell’apposito olio per indebolirlo.

Mi raccomando, fate attenzione. In effetti non è possibile utilizzare l’acqua su tutte le parti del tagliaerba elettrico in quanto rischiate di danneggiare sia i motori elettrici che gli elementi metallici. Inoltre, ricordate – durante la pulizia – di staccare la spina e di togliere la batteria.

Sappiate che gli elementi metallici vanno puliti con un po’ di olio poiché questo prodotto ci permette di sciogliere facilmente le incrostazioni e di prevenire la formazione di ruggine. Quest’ultima deve assolutamente essere contrastata per il corretto funzionamento del vostro tagliaerba elettrico.

Inoltre, il contenitore raccogli-erba può tranquillamente essere sciacquato con l’acqua, non dovreste avere particolari problemi.

Se avete effettuato la pulizia quotidiana non dovreste incontrare particolari problemi con le lame, ma nel caso di incrostazioni difficili vi consiglio di indossare gli appositi guanti e di usare l’olio per sciogliere i residui più impegnativi.

Le incrostazioni più ostinate devono essere grattate con particolare attenzione. Personalmente utilizzo un raschia-ghiaccio, assolutamente efficace come nei parabrezza.

 

La pulizia approfondita non è particolarmente difficile, ma risulta più semplice se effettuate – al termine di ogni utilizzo – una pulizia quotidiana.

http://www.librinformatica.it/bilance-meccaniche-vs-bilance-digitali/